Cosa sono le criptovalute

La criptovaluta (o crittovaluta o criptomoneta) è un bene digitale che viene utilizzato come modalità di scambio e che sfrutta la crittografia per mettere in sicurezza le transazioni e il controllo della creazione di unità addizionali. Le criptovalute sono un subset alternativo alle valute.

I bitcoin sono diventati la prima criptovaluta decentralizzata nel 2009 e da quel momento numerose criptovalute sono state create. La criptomoneta usa un sistema di controllo decentralizzato, perciò non esistono enti centralizzati di controllo (come la Banca Centrale Europea). La decentralizzazione è possibile grazie all’uso della blockchain, una base di dati decentralizzata che mantiene in modo continuo una lista crescente di record, i quali fanno riferimento a record precedenti presenti nella lista stessa ed è resistente a manomissioni.

La storia

Nel 1998, Wei Dai ha pubblicato una descrizione di “b-money”, un sistema anonimo, distribuito ed elettronico di denaro. Poco dopo Nick Szabo cerò “Bit Gold”. Come i bitcoin e le altre criptovalute che lo seguiranno, Bit Cold era un sistema di valuta elettronico che richiedeva agli utenti di completare una “lavoro” (proof-of-work) le cui soluzioni sono crittografate e pubblicate. Successivamente Hal Finney sviluppò un sistema basato su una prova riutilizzabile.

La prima criptomoneta decentralizzata è stata il bitcoin, creata nel 2009 da Satoshi Nakamoto, pseudonimo usato dallo sviluppatore ad oggi ancora ignoto. Come proof-of-work ha usato SHA-256, una funzione hash crittografica.

Sulla strada della blockchain è nato nell’aprile del 2011 Namecoin, creato con l’obiettivo di formare un DNS decentralizzato che renderebbe la censura di Internet molto difficile. Nell’ottobre del 2011 è nato anche Litecoin, la prima criptovaluta di successo ad utilizzare “scrypt” come funzione di hash anzichè la SHA-256. Peercoin è stato il primo a utilizzare un sistema ibrido proof-of-work/proof-of-stake. L’IOTA è stata la prima criptomoneta non basata su una catena di blocchi e usa invece il Tangle. Molte altre criptomonete sono state create anche se solo poche hanno avuto successo, il principale motivo è dovuto alla mancanza di una vera e propria innovazione tecnica, infatti molte si sono limitate a “copiare” le monete più famose. Il 6 agosto 2014, il Regno Unito ha annunciato che il suo Tesoro era stato commissionato a fare uno studio sulle criptomoneta e su quale ruolo possonano giocare nell’economia britannica.

Leggi anche  10 motivi per non investire in Bitcoin secondo Bankitalia

Criptovalute

Le criptovalute ad oggi in circolazione sono quasi un migliaio, ma solamente poche hanno ottenuto successo, questa è una breve lista

  • Bitcoin (BTC), nata a gennaio 2009.
  • Litecoin (Ł), è nata a dicembre 2014.
  • Ripple (XRP)
  • Dash (DASH)
  • NEM (NEM)
  • Peercoin (PPC), nata ad agosto 2012.
  • Quark (QRK), nata nel luglio 2013.
  • Namecoin (NMC), nata nell’aprile 2011.
  • Feathercoin (FTC), nata come clone di Litecoin ad aprile 2013.
  • Primecoin (PPC), nata ad agosto 2012.
  • Coinye, basato su scrypt.
  • Titcoin, basato su scrypt.
  • Primecoin (XPM o Ψ).
  • Datacoin (DTC).
  • GlobalBoost-Y (BSTY).
  • Ethereum (Ξ), rilasciato a luglio 2015 e il cui concetto è quello di dare la possibilità di eseguire piccoli programmi (decentralised applications o smart contracts) sulla blockchain.
  • Ethereum Classic (ETC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *